Disintossicazione Subutex

Centro di disintossicazione per risolvere la dipendenza da Subutex

La riduzione del danno

Sei nella sezione: Subutex

In sostanza, la strategia della riduzione del danno sostiene che un tossico dipendente può essere reso meno pericoloso per se e per gli altri (nonché socialmente accettato) attraverso l'assunzione, controllata dallo stato, di sostanze alternative (es. Methadone) o della stessa sostanza d'abuso (es. Eroina). Esperimenti in proposito vengono condotti fino dagli anni '60, negli Stati Uniti ed in Europa e nonostante una lunghissima catena di fallimenti costituiscono tuttora le linee giuda e la risposta alle dipendenze in molti paesi, incluso il nostro. La Svizzera, in particolare, è tristemente famosa per questo genere di esperimenti condotti sulla pelle dei più disperati tra gli infelici.

Visibilmente legata a questa strategia politica, esiste una corrente di pensiero libertaria che vorrebbe l'individuo assolutamente autonomo nelle sue scelte, in relazione alle sostanze tossiche. Questa corrente, nel tempo, si è trasformata in una vera e propria cultura della droga (promossa spesso da illustri testimoni e portavoce) che sostiene inoltre la liberalizzazione e depenalizzazione di alcune sostanze: le cosiddette droghe leggere.

Il mercato delle sostanze tossiche, sia legale e sia illegale. è quindi maggiormente legato a questa cultura (o movimento), per ovvie ragioni di numeri. Le molteplici pressioni esercitate dal suo marketing sono enormi e dispongono di un budget letteralmente illimitato, in grado d'influenzare gli usi e i costumi di una civiltà, oltre che i consumi.

Un movimento (o cultura) del genere, senza dubbio affascina chi desidera una benedizione laica (o un'assoluzione) alla propria scelta di assumere sostanze e soprattutto affascina chi quelle sostanze le offre ad un mercato sempre più vasto, la cui età si abbassa vertiginosamente, anno dopo anno.

Le sostanze tossiche, infatti, possono facilmente ammaliare chiunque abbia un concetto molto astratto e molto poco critico di libertà ed un suo effettivo, pressante bisogno: la prima adolescenza, ad esempio.

Le sostanze tossiche costituiscono inoltre un rifugio temporaneo ed apparentemente confortevole per chiunque non abbia ancora trovato una via d'uscita praticabile ed efficace al proprio dolore o al proprio disagio. E un rifugio, qualunque sia, è difeso e protetto.

Questa, in estrema sintesi, è la riduzione del danno: le sue strategie, le sue ragioni, il suo impero finanziario ed i suoi sostenitori, in buona fede o meno.

 

NON ASPETTARE, ESCI ORA DAL SUBUTEX!
CHIAMA SUBITO il 800 18 94 33